L'Inno Nazionale Italiano 

Conosciuto anche come l'Inno di Mameli (dall'autore) o più semplicemente Fratelli d'Italia dalle prime parole che lo compongono fu scritto nell'autunno del 1847 dallo studente e patriota Goffredo Mameli a  Genova e musicato poco dopo a Torino dal genovese Michele Novaro. Nato dal fervore patriottico che doveva poi sfociare nelle guerre risorgimentali contro l'Austria,  dal 12 ottobre 1946 è diventato l'Inno Nazionale della Repubblica Italiana. 

Fratelli d'Italia 
L'Italia s'è desta, 
Dell'elmo di Scipio *
S'è cinta la testa. 
Dov'è la Vittoria? 
Le porga la chioma, 
Ché schiava di Roma 
Iddio la creò. 

Stringiamoci a coorte 
Siam pronti alla morte 
L'Italia chiamò. 

Noi siamo da secoli 
Calpesti, derisi, 
Perché non siam popolo, 
Perché siam divisi. 
Raccolgaci un'unica 
Bandiera, una speme:  
Di fonderci insieme 
Già l'ora suonò. 

Stringiamoci a coorte 
Siam pronti alla morte 
L'Italia chiamò. 

Uniamoci, amiamoci, 
l'Unione, e l'amore 
Rivelano ai Popoli 
Le vie del Signore; 
Giuriamo far libero 
Il suolo natìo:
Uniti per Dio 
Chi vincer ci può? 

Stringiamoci a coorte 
Siam pronti alla morte 
L'Italia chiamò. 

Dall'Alpi a Sicilia 
Dovunque è Legnano, 
Ogn'uom di Ferruccio 
Ha il core, ha la mano, 
I bimbi d'Italia 
Si chiaman Balilla, 
Il suon d'ogni squilla 
I Vespri suonò. 

Stringiamoci a coorte 
Siam pronti alla morte 
L'Italia chiamò. 

Son giunchi che piegano 
Le spade vendute: 
Già l'Aquila d'Austria 
Le penne ha perdute. 
Il sangue d'Italia, 
Il sangue Polacco, 
Bevé, col cosacco, 
Ma il cor le bruciò. 

Stringiamoci a coorte 
Siam pronti alla morte 
L'Italia chiamò 


 


* È di Scipione l'Africano, il vincitore di Zama, l'elmo che indossa l'Italia pronta alla guerra. 
La Vittoria si offre alla nuova Italia e a Roma, di cui la dea fu schiava per volere divino. 
La Patria chiama alle armi: la coorte,  era la decima parte della legione romana

* Sette secoli di lotta contro il dominio straniero. 
Una bandiera e una speranza (speme) comuni per l'Italia, nel 1848 ancora divisa in sette Stati

 * "Per Dio" è un francesismo, che vale come "attraverso Dio", "da Dio"
 * La battaglia di Legnano del 1176, in cui la Lega Lombarda sconfisse Barbarossa. L'estrema difesa della Repubblica di Firenze, assediata dall'esercito imperiale di Carlo V nel 1530, di cui fu simbolo il capitano Francesco Ferrucci. Il 2 agosto, dieci giorni prima della capitolazione della città, egli sconfisse le truppe nemiche a Gavinana; ferito e catturato, viene finito da Fabrizio Maramaldo, un italiano al soldo straniero, al quale rivolge le parole d'infamia divenute celebri "Tu uccidi un uomo morto"
La figura di Balilla rappresenta il simbolo della rivolta popolare di Genova nel 1746 contro la coalizione austro-piemontese.
Ogni squilla significa "ogni campana". E la sera del 30 marzo 1282, tutte le campane chiamarono il popolo di Palermo all'insurrezione contro i Francesi di Carlo d'Angiò, i Vespri Siciliani.

* L'Austria era in declino (le spade vendute sono le truppe mercenarie, deboli come giunchi) Insieme con la Russia (il cosacco), l'Austria aveva crudelmente smembrato la Polonia. Ma il sangue dei due popoli oppressi diventa veleno, che dilania il cuore della nera aquila d'Asburgo che ha gia perso le piume.

inizio  Inno





Goffredo Mameli  nacque a Genova il 5 settembre 1827. Studente e poeta aderisce alle idee  mazziniane, nel 1847 partecipa alle grandi manifestazioni genovesi per le riforme e compone Il Canto degli Italiani. Nel marzo del 1848, a capo di 300 volontari, raggiunge Milano insorta e combatte gli Austriaci sul Mincio col grado di capitano dei bersaglieri. Dopo l'armistizio Salasco, torna a Genova e collabora con Garibaldi. È in prima linea nella difesa di Roma assediata dai Francesi dove il 3 giugno 1849 è ferito alla gamba. Nonostante l'amputazione, muore d'infezione il mattino del 6 luglio, a ventidue anni. 
Le sue spoglie riposano nel Mausoleo del Gianicolo.

 

 

inizio  Inno

 


 

 

 

Michele Novaro nacque il 23 ottobre 1818 a Genova, dove studiò composizione e canto. Nel 1847 è a Torino, convinto liberale, offrì alla causa dell'indipendenza il suo talento compositivo, musicando decine di canti patriottici e organizzando spettacoli per la raccolta di fondi destinati alle imprese garibaldine. Di indole modesta, non trasse alcun vantaggio dal suo inno più famoso, neanche dopo l'Unità. Tornato a Genova, fra il 1864 e il 1865 fondò una Scuola Corale Popolare, alla quale avrebbe dedicato tutto il suo impegno. Morì povero, il 21 ottobre 1885. Per iniziativa dei suoi ex allievi, gli venne eretto un monumento funebre nel cimitero di Staglieno, dove oggi riposa vicino alla tomba di Mazzini. 

inizio  Inno