Tazio Nuvolari, clik for  the Official Web Site

52° Trofeo Nuvolari
16° G. P. Nuvolari
15 -17 settembre 2006

Tazio Nuvolari, clik for  the Official Web Site

 

Piazza Sordello ore 16,00 del 17 settembre 2006

Lamborghini Miura S  1966

Lamborghini Miura S  1966

Alfa Romeo Giulietta SZ 1961

 Alfa Romeo Giulia GTA 1300 Junior 1968

Alfa Romeo Giulia GTA 1300 Junior 1968-
Lamborghini Miura SV  1966


Lancia Fulvia HF 1970

Renault Alpine A/110 - 1973
 

Classifica  finale
P.  Concorrenti  Auto  N°
1 CANÈ -GALLIANI ASTON MARTIN 18
2 VESCO-GUERINI FIAT 508 CS 26
3 FERRARI-FERRARI BUGATTI 37 8
4 VIARO-DE MARCO ALFA ROMEO 1 11
5 * MEZZADRI-MEZZADRI PORSCHE 356 138
6 SALVINELLI-DANIELI MG P-TYPE SP 37
7 AGHEM-AGHEM LANCIA FULVIA 271
8 DI BONA-PASSANANTE ALFA ROMEO 1 142
9 GABURRI-TONOLINI OM SPORT 665 12
10 CECCHI-COSI ASA 1000 GT 231
11 BASSO-ANDREINI ALFA ROMEO G 185
12 RIBOLDI-TAGLIETTI   FIAT BARCHET. 36
13 ONGARI -TACCHINO   TRIUMPH TR3 158
14 CLARAMUNT-CLARAMUNT HEALEY SILVER 64
15 BLUMENSTOCK-BLUMEN. ALVIS SPEE 50
16 * LUI-SASSI TRIUMPH TR3 147
*  Equipaggi Mantovani

I vincitori all'uscita del Museo Nuvolari dopo aver appreso della vittoria
Lamborghini Miura S  1966
Alfa Romeo Disco Volante 1952


A.R Disco Volante (1952) e 1900 S. Spider (1954)

Riley MPH Racing  1934

Wanderer W25 K  1936


Alvis Speed 25/4,3  1938


Alfa Romeo Giulia GTA 1300 Junior 1968

Alfa Romeo Giulia GTA 1300 Junior 1968
Lamborghini Miura SV  1966

Lamborghini Miura SV  1966

Alfa  Romeo Giulia SS


Lancia Fulvia Rally HF1300  1967

Ferrari 250 GTL- 1964
 

EMOZIONI DI OGGI E GLORIE DI IERI
“Le donne, i cavalieri, l’arme, gli amori…”

Comincia una nuova pagina di storiche imprese in luoghi incantati. Perché il Gran Premio Nuvolari offre tutta la spettacolare emozione di un racconto epico. I suoi protagonisti provengono da tutto il mondo e sono cultori del bello, storici appassionati e veri amanti dei motori. Sono gli equipaggi che, con le loro auto d’epoca, prodigi di donne esperte nell’arte più virile, cavalieri moderni al comando, splendide auto in corsa, e un grande amore, autentico come pochi al mondo; canta così al cuore degli appassionati la 16° edizione del Gran Premio Nuvolari dal 15 al 17 settembre. Mancano ormai poche ore alla partenza per i quasi 300 equipaggi in gara provenienti da tutto il mondo, pronti ad onorare la memoria del grande “Nivola” con la loro presenza al via, in Piazza Sordello a Mantova, venerdi 15 alle ore 13.30.
Tre giorni (15-16-17), tre tappe (Mantova-Viareggio-Rimini) e 1000 Km da percorrere a bordo d’auto d’altri tempi, pronte più che mai a dimostrare il loro valore e capacità, fino al traguardo di Mantova dove un imperdibile evento sorprenderà tutti gli equipaggi in gara: la parata aerea dello storico Supermarine Spitfire, fiore all’occhiello dell’aeronautica inglese. Domenica 17 settembre, per pochi impagabili attimi, gli equipaggi e gli spettatori della gara avranno infatti l’opportunità di assistere all’Historic Air Show, straordinario spettacolo aereo che animerà i cieli mantovani.
Lo speciale aeroplano modello Spitfire Mk XIV della Duxford Collection, proveniente direttamente dalla Gran Bretagna, raggiungerà la città sorvolando, intorno alle ore 12.15, il Campo Canoa di Sparafucile celebrando così, con uno spettacolo unico ed emozionante, il “mantovano volante” che nel corso della sua vita fu anche pilota di aeroplano.

Lo Spitfire non sarà l’unico aereo storico presente al GP Nuvolari. Il caccia a elica sarà infatti affiancato da altri prestigiosi velivoli d’epoca. Tra essi un triplano Fokker Dr I con le celebri insegne del “Barone Rosso” Manfred Von Richtofen (fedele replica volante del caccia tedesco della Prima GM), un biplano de Havilland DH 82 Tiger Moth (1931), un addestratore Fiat G 46 (1954). Saranno presenti anche due fascinose pattuglie acrobatiche di aerei storici: gli Yakitalia con aerei russi Yakovlev Yak 52 e 55, e il team elvetico Volaticino, con addestratori a elica Pilatus P2 e P3.
Ma le novità non si fermano qui.
Per la prima volta quest’anno è stato incluso nel percorso di gara l’Autodromo Riccardo Paletti vicino a Parma, nel quale si terranno tre prove cronometrate, e sono state istituite due classifiche speciali: il Riva Special Trophies, che vedrà assegnate da una speciale giuria tre trofei ad altrettante vetture, la più elegante, la più originale e quella dalla miglior linea sportiva, ed il Trofeo del 40° anniversario Miura, offerto da Automobili Lamborghini, col quale si premieranno i primi classificati nella speciale categoria riservata a tutte le Miura partecipanti.
Spicca in proposito tra i partecipanti in gara il presidente della Lamborghini Automobile, Stephan Winkelmann, al comando di una Miura SV del 1966.

Amarcord

Ultima novità, ma non meno importante, il concorso Amarcord: una coinvolgente iniziativa rivolta a concorrenti, giornalisti, addetti ai lavori e simpatizzanti, che si sviluppa attorno a quei piccoli ma importanti ricordi, che tutti noi conserviamo nella nostra memoria, legati ad un’esperienza con una vettura, o comunque al mondo dell’auto. I partecipanti al concorso hanno inviato un testo, in cui si richiedeva la breve descrizione di un ricordo personale su questo tema.
Una giuria qualificata - composta da rappresentanze del marchio Audi, main sponsor della kermesse mantovana, Scuderia Mantova Corse, Museo Tazio Nuvolari, e Città di Rimini – valuterà, con giudizio insindacabile, gli elaborati.
I premi per i tre classificati verranno messi a disposizione dal Museo Audi Tradition di Ingolstadt.
L’appuntamento per la premiazione è per sabato 16 settembre, il secondo giorno di gara, durante la serata d’onore dedicata al grande “Nivola”, nella magica atmosfera felliniana del Grand Hotel Rimini.


Inarrestabile ed inesauribile si conferma, dunque, l’organizzazione della Scuderia Mantova Corse, che quest’anno ha festeggiato i 25 anni di attività. Un traguardo assai significativo, imperniato sul costante impegno del team che, con il suo operato ha permesso al Gran Premio Nuvolari di diventare nel tempo un affascinante appuntamento, oggi famoso in tutto il mondo. A testimoniarlo i numerosi equipaggi iscritti: una significativa presenza di vetture ante-guerra, i bellissimi esemplari delle Scuderie Nuvolari Asia e Scuderie Nuvolari Europa, con la speciale partecipazione del presidente di Audi di Ingolstadt H.Weyler su auto Union Wanderer W25K black del 1937 proveniente dal Museo Audi Tradition, e i mantovani iscritti all’AMAMS “Tazio Nuvolari”, da sempre la scuderia italiana più rappresentata in gara.
Merita segnalazione anche l’equipaggio femminile composto dalle giornaliste Francesca Grimaldi del Tg 1 e Rossella Labate del mensile Auto d’Epoca, vere appassionate delle corse d’antan. Non mancheranno poi gli specialisti del cronometro: il vincitore dello scorso anno il triestino Viaro, che quasi scaramanticamente gareggerà con la stessa auto, Alfa Romeo 1500 SS del 1928 e il bolognese Luciano Canè, già vincitore di cinque edizioni a bordo di una Aston Martin International Le Mans del 1930.
Che le danze abbiano inizio, che le dame si vestano, i cavalieri si armino, le armi si lucidino e gli amori comincino, per una gara dove a vincere è sopra di tutto la passione per l’automobile, nel ricordo di quell’uomo che ha contribuito a farla grande :Tazio Nuvolari.


Esibizione aerei storici

Prima o poi quell’aereo inglese dall’inconfondibile ala ellittica, elegante come una fuoriserie, l’abbiamo visto tutti, in un vecchio documentario in bianco e nero o in qualche film. Immagini sgranate che rievocano aromi di cuoio, metallo e di benzina avio, la speranza e il tumulto di giovanissimi cuori e le lapidarie parole che Winston Churchill pronunciò in quel lontano agosto del 1940, al culmine della Battaglia d’Inghilterra: “Mai così tanti dovettero così tanto a così pochi”. I Pochi erano loro, The Few; i piloti dei mitici Spitfire.
Per molti appassionati di storia il Supermarine Spitfire resta ancora oggi “l’aeroplano” tout-court, l’emblema della purezza aerodinamica e della tecnologia motoristica. Nel mondo, ogni qualvolta uno dei rari esemplari ancora volanti stacca le ruote da terra, l’emozione è sempre grande.
Il 17 settembre prossimo, in occasione della 16.ma edizione del Gran Premio Nuvolari, a rendere omaggio al leggendario asso italiano dell’automobilismo sarà proprio uno Spitfire Mk XIV della Duxford Collection, che dalla Gran Bretagna raggiungerà la città di Mantova in volo. Non tutti sanno che Tazio Nuvolari, il “mantovano volante”, fu anche pilota d’aeroplano.
Per pochi impagabili attimi gli equipaggi delle vetture storiche e gli spettatori avranno l’opportunità di assistere allo straordinario confronto di due coevi capolavori della tecnologia aeronautica e automobilisitica, lo Spitfire progettato da Reginald J. Mitchell nel 1936 e l’avveniristica Auto Union da competizione. Dodici cilindri e sedici cilindri: il massimo della potenza allora disponibile per la vittoria in cielo e in terra.
Per precisione storica, l’esemplare dello Spitfire Mk XIV della Duxford Collection fu in realtà costruito poco dopo l’Auto Union di Nuvolari. Partecipò agli ultimi due anni della Seconda GM e venne ceduto alla Royal Indian Air Force. Riportato in Gran Bretagna nel 1970, fu quindi restaurato dagli specialisti della prestigiosa collezione aeronautica di Duxford nel 1992 e riportato in condizioni di volo.
Lo “Spit” Mk XIV ha un’apertura alare e una lunghezza di dieci metri e pesa 3.500 kg. Il potente motore V-12 Rolls-Royce Griffon da 2.050 cavalli con raffreddamento a liquido è equipaggiato con un compressore a doppio stadio ed è dotato di un’elica a cinque pale, che consentiva di toccare i 730 km orari in volo orizzontale e di raggiungere la quota di 13.400 metri: prestazioni ancor oggi difficilmente superabili con aerei a pistoni.
Lo Spitfire non sarà l’unico aereo storico presente al GP Nuvolari di Mantova. Il caccia a elica sarà infatti affiancato da altri prestigiosi velivoli d’epoca. Tra essi un triplano Fokker Dr I con le celebri insegne del “Barone Rosso” Manfred Von Richtofen (fedele replica volante del caccia tedesco della Prima GM), un biplano de Havilland DH 82 Tiger Moth (1931), un addestratore Fiat G 46 (1954), e da due fascinose pattuglie acrobatiche di aerei storici: gli Yakitalia con aerei russi Yakovlev Yak 52 e 55 propulsi da motori stellari, e il team elvetico Volaticino, con addestratori a elica Pilatus P2 e P3.


Fervono i preparativi per il Gran Premio Nuvolari.
INIZIA A SALIRE LA FEBBRE PER LA FAMOSA KERMESSE DI AUTO STORICHE
La celebre corsa dedicata al pilota mantovano,
in calendario dal 15 al 17 settembre prossimi.

Tre giorni di contagiosa passione con partenza da Mantova e ritorno, su un percorso di 1000 Km attraverso le bellezze d’Italia con tappe a Viareggio (venerdì 15) e Rimini (sabato 16). Dopo gli entusiasmanti successi del 2003 (il 50° anniversario della morte di Tazio Nuvolari e del 2004 (il 50° compleanno della gara), un’altra edizione commemorativa: il Comitato Organizzatore Mantova Corse si appresta a festeggiare i 25 anni di attività.

Come dire, squadra che vince non si cambia! In queste poche parole si potrebbero riassumere la passione, l’entusiasmo e il successo crescente che per anni hanno contagiato gli animi degli organizzatori del Gran Premio Nuvolari. Proprio quest’anno il Comitato Organizzatore Mantova Corse si appresta a festeggiare il 25° compleanno. Un traguardo significativo imperniato sul costante impegno del team organizzativo che, con il suo operato ha permesso alla manifestazione di diventare nel tempo un’affascinante appuntamento, oggi famosa in tutto il mondo.

La sedicesima edizione del Gran Premio Nuvolari sarà di scena dal 15 al 17 settembre con partenza da Mantova e ritorno, lungo un percorso di 1000 km con tappe a Viareggio (15 settembre) e Rimini (16 settembre) attraverso suggestivi centri d’arte quali Parma, Pisa, Siena, Arezzo e Ferrara. Da qualche anno, la competizione di regolarità dedicata al celebre pilota mantovano tocca i 300 equipaggi provenienti da tutto il mondo. Già iniziano ad arrivare le iscrizioni delle gloriose “pre war”, le vetture ante-guerra, vera gioia per gli appassionati. Grande attesa per le scuderie Tazio Nuvolari Europa e Tazio Nuvolari Asia che con la loro presenza accrescono il prestigio della kermesse, senza nulla togliere alle altre scuderie europee ed in particolare italiane che con il loro entusiasmo portano in gara il tipico calore di casa nostra: prima fra tutte la scuderia AMAMS Tazio Nuvolari di Mantova, da sempre la più rappresentata.

Fra le novità di quest’anno nel percorso è stato incluso l’Autodromo Riccardo Paletti vicino a Parma, e istituiti due classifiche speciali: il Riva Special Trophies, una speciale giuria assegnerà tre trofei ad altrettante vetture: la più elegante, la miglior linea sportiva e la più originale ed il Trofeo del 40° anniversario Miura offerto da Automobili Lamborghini col quale si premieranno i primi classificati nella speciale categoria riservata a tutte le Miura partecipanti.
La 16° edizione del Gran Premio Nuvolari, organizzata come sempre da Mantova Corse in collaborazione col Museo Tazio Nuvolari e l’Automobile Club Mantova, vede per l’ottavo anno consecutivo il fattivo patrocinio di AUDI. Saranno ammesse vetture costruite dal 1919 al 1973, sia da corsa che da turismo, munite di passaporto F.I.V.A. o fiche F.I.A.
Mille km di percorso attraverso cinque regioni, in tre giorni di indimenticabili emozioni, che vedrà le auto impegnate in 38 prove speciali, 10 controlli orari e 22 controlli a timbro.
La manifestazione dedicata al “mantovano volante” si appresta ancora una volta a diventare un evento vero, autentico, in grado di esaltare le bellezze del Bel Paese col passaggio nei centri storici, borghi antichi, montagne, valli e pianure, dei bolidi d’antan, frutto dell’ingegno umano e della tecnologia che si è evoluta nel tempo.
Partecipare alla kermesse mantovana regala emozioni indimenticabili, non solo quindi una rievocazione di auto storiche per i 300 partecipanti provenienti da tutto il mondo, ma uno straordinario viaggio nell’arte, nell’ambiente e nel “Made in Italy”.

Il Percorso del G.P.Nuvolari 2006
Percorso Gran Premi Nuvolari 2006

IL PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

Il Gran Premio Nuvolari 2006 prenderà il via venerdi 15 settembre da Mantova, con le verifiche che per la prima volta si terranno sulle rive del fiume Mincio all’ombra delle torri del castello medievale San Giorgio (ore 8.00). Partenza della gara direttamente dal centro cittadino (13.30) mentre l’arrivo è previsto per domenica 17 a partire dalle 12.30 nella centralissima Piazza Sordello dopo un percorso di 1000 Km che toccherà 6 regioni. Prima novità di quest’anno, l’inserimento dell’Autodromo Riccardo Paletti di Varano dè Melegari, in provincia di Parma. Di lì a breve si percorreranno i tornanti del Passo della Cisa per poi giungere in serata accolti dalle calde luci del tramonto a La Spezia ospiti d’eccezione negli esclusivi cantieri nautici Riva. Dalle 18.30 il Mar Tirreno accompagnerà come un fedele compagno di viaggio l’intera carovana, fino in Versilia per concludere la prima tappa di gara con il beach-party al Centro Congressi Principe di Piemonte a Viareggio. Sabato 16 sveglia all’alba e partenza alle 7.00 direzione della Romagna. Forse uno dei tratti più emozionanti di tutta la gara, tale da deliziare gli equipaggi delle bellezze artistiche di Campo dei Miracoli a Pisa alle prime ore del giorno, per poi ricalcare le curve del grande “Nivola”, sui tornanti mozzafiato del Circuito del Montenero dove il mantovano vinse per tre anni consecutivi la Coppa Ciano (1931-1933). Casciana Terme, Monteriggioni, e attraverso le crete senesi, divenute tesori dell’Umanità tutelati dall’Unesco, arrivare a Siena per godere dell’esclusivo privilegio di attraversare al volante della propria auto d’epoca la suggestiva Piazza del Campo, le altre piazze, impreziosite dalle chiese gotiche d’Arezzo.  Poi via fino nelle Marche , ai piedi della Rocca di San Leo, San Marino e la Romagna, e del suo mare, stavolta Adriatico, arrivare nella centralissima Piazza Cavour di Rimini, per concludere il secondo giorno di gara, al galà nelle  lussuose sale del Grand Hotel. Tutto in pianura il percorso previsto per domenica 17, che nel terzo giorno di gara vede questo straordinario museo viaggiante, costeggiare il Mare Adriatico oltrepassando Cesenatico, Cervia e le pianure di Lugo, per poi addentrasi nelle vie storiche di Ferrara e nella celebrata Piazza Ariostea. Rombo finale con rotta su Mantova, ed arrivo in Piazza Sordello previsto per le ore 13:00. La premiazione dei concorrenti di questa 16^ edizione avverrà come sempre nella cornice del Teatro Bibiena di Mantova.

L'Alfa di VIARO-MAIR  vincitori del G.P. Nuvolari nel 2005
L'Alfa Romeo dei vincitori del GP 2005

www.gpnuvolari.it
UFFICIO STAMPA
Sabrina Marin
V.le Caravaggio, 9
47042 Cesenatico FC
Tel. 347-7114074
sabrinamarin@pito.com
media@gpnuvolari.it

Comunicato stampa del Gran Premio Nuvolari

 le edizioni precedenti :   > 2001   - > 2002   - > 2003   - > 2004   - > 2005   - > 2006   -> 2007   -> 2008   -> 2009
  -> 2010   -> 2011   -> 2012   -> 2013   ->2014  -> 2015

liberatiarts©98-2006

Contatore visite