Mantova & l'U.N.E.S.C.O

Marzo 2014 : Risolto il problema delle lastre di porfido in via Broletto .... un po' di catrame e via!!

     

dalla Gazzetta di Mantova)  Il 3 aprile la consegna ufficiale del riconoscimento a Mantova e Sabbioneta
E l’indomani convegno sul recupero sostenibile della città d’acqua con architetti, docenti e analisti ambientali
Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Due giorni di convegni, mostre, spettacoli per celebrare il riconoscimento - arrivato in luglio - e ripensare la città d’acqua. Appuntamento il 3 e 4 aprile, con tutti i rappresentanti politici dell'arte e della cultura ...

Siamo tutti contenti e felici della scelta dell'UNESCO molto meno delle scelte fatte  sulla pelle  (e tasche) dei cittadini in tema di ambiente, verde, traffico, viabilità, restauri, conservazione, abitabilità, pulizia, servizi e altro. Il 3 aprile ci aspettiamo che applichino inutili bandierine ai lampioni e che girino tante chiacchiere! Parole e paroloni che  in queste occasioni ufficiali volano con relative foto ricordo di ridenti personalità...
Ma materialmente cosa è cambiato? Basta fare un giretto a piedi in città (non solo nel tratto via Roma piazza Erbe-Sordello) e ci si accorge che poco o nulla è cambiato: strade, vicoli, facciate, fontane e verde sono in uno stato pietoso. Tre esempi qui sotto, il passaggio tra piazza Mantegna e P. Leon Battista Alberti
(.. le telecamere a che servono??), Corso Umberto e via Frattini tanto per citare due vie importanti ...
ma intanto si buttano via soldi dei contribuenti per la cena del ponte  (quello di S.Giorgio per intenderci) ed altre idiozie simili.
Tanto per restare in tema non si capisce perchè per riparare una delle lastre di porfido in via Broletto (rottasi sicuramente per il traffico abnorme di camion vari nonostante divieti e varchi vari ) hanno scelto un'altro colore 'intonato' con il resto del lastricato ... mha!!

8 maggio 2009
   
8 maggio 2009
  
 20 marzo 2009
 
(Ripulito nel 2010)                                                                                
 


(13 luglio 2007) Transitando per il centro cittadino (piazza Erbe)  in questi ultimi giorni ho notato strane tracce di polvere bianca depositata in vari posti ... sulle prime credevo che il solito buontempone si fosse divertito a scaricare la polvere di qualche estintore qua e la, ma poi, avendo letto della ' pulizia in corso' per presentare la città (solo alcune vie privilegiate) all'ispettore dell'UNESCO in arrivo, ho compreso... era la polvere di marmo 'grattata dalle colonne e muri per rimuovere (in fretta) le scritte tracciate dai soliti imbrattamuri ignoranti e irresponsabili. Da quel che si può notare ormai a distanza di giorni che grattato il marmo non ci si è curati di ripulire dalla polvere (e ne è tanta!) dai marciapiedi, dai cestini dei rifiuti e cabine del telefono contigui... e poi il vento ha completato l'opera... !


Alcune sviste dei 'pulitori' e il marmo volante in giro

Altro intervento (che doveva essere fatto tanto tempo fa) è l'aver posizionato delle reti anticolombo nel palazzo del Podesta in vicolo dei Lattonai (una parte è ancora accessibile), mentre il povero Virgilio continua (nonostante i restauri di qualche anno fa) ad essere meta preferita dai volatili per depositarci i loro escrementi ...  

Un ulteriore intervento è in atto per rendere meno obbrobriose le mura sul lato sx di porto catena rifacendo parte dell'intonaco e scoprendo i mattoni nella parte inferiore, bene , ma perchè non ripulire anche la porzione delle mura  attigue al palazzo del Mago verso porta Mulina??

    
I pannelli intorno allo scavo di Piazza Sordello  e  la parete pulita di Piazza Leon Battista Alberti

Si è provveduto a sostituire la 'rete rossa da cantiere' che delimitava lo scavo di piazza Sordello con un telo personalizzato con scritte e immagini relativi ai reperti trovati ... unico inconveniente: non si riesce più a vedere all'interno e come procedono i lavori di consolidamento dei mosaici. Una spesa superflua vista la carenza di fondi per gli scavi stessi. Era più appropriato fare una cosa simile per i lavori in piazza Mantegna ...
Un bel lavoro si sta facendo in Piazza Leon Battista Alberti e nel passaggio laterale di Sant'Andrea dove sono state rimosse tutte le scritte (usando materiali adeguati), speriamo che l'attivazione delle telecamere di sorveglianza sia un deterrente per coloro che fino ad oggi hanno dato fondo alla loro stupidità imbrattando tutto quello che gli è capitato a tiro!
Non ho allargato la mia ricerca ad altre vie ma presumo che dove non passerà l'illustre ospite resteranno le scritte sui muri, resteranno i marciapiedi dissestati, così come il fondo dei vicoli, l'illuminazione  ...
Sono certamente favorevole a questa opportunità ma ... non mi sembra una cosa seria. Una ispezione per esser tale non deve essere programmata e secondo un programma predefinito ma fatta senza clamori, in incognito ... qui sembra di esser tornato in caserma ed alle visite ufficiali ... esteriormente tutto lucido e tirato e solo lungo il percorso concordato... il resto ... parafrasando, com'è d'uso recentemente, Califano : "tutto il resto è noia" nel senso: "che noia, questi cittadini che protestano e si lamentano  ma non capiscono che stiamo lavorando per loro ... dalla Celeste Galleria (non poteva mancare ) all'UNESCO ... "

Le foto sono del 13 luglio 2007
 

liberatiarts©98-2009

Hit Counter